E’ tempo di litigare

Posted on November 19th, 2013, by

Category: Generic | Tags: , , , , , ,  | Comments: No Comments

Sono un po’ stufo di scrivere sempre le stesse cose. Da mesi e dai tempi di Monti si diceva che era il momento di battere i pugni sul tavolo. Oggi anche Prodi dice che è il momento di litigare. E Barbara Spinelli ricorda ai tedeschi che Italia e Grecia condonarono assieme ad altri paesi il loro debito dopo la seconda guerra mondiale. L’euro e l’Europa rischiano di soccombere sotto una serie di errori causati dall’applicazione meccanica di regole stabilite da funzionari mediocri che hanno smesso di studiare economia da tempo. Mentre il mondo è cambiato sono rimasti agli anni ’80 preglobalizzazione quando il problema era l’inflazione. Ne sapranno più premi nobel come Stiglitz e Krugman di economia, o coautrici di Stigliz come la Yellen o l’ex calciatore ed euroburocrate Olli Rehn? Miopia dei creditori che per avidità aggravano la situazione producendo debt deflation che aumenta il fardello reale del debito per i debitori e finiscono con un pugno di mosche in mano.

Fiscal compact e sopravvivenza dell’euro sono incompatibili (anche questo lo diciamo da tempo). Ancor più senza una politica monetaria fatta di quantitative easing come quella della FED e senza uno stimolo fiscale europeo forte alimentato dal surplus tedesco. Se l’UE prosegue con il suo esercizio di sadismo con pilota automatico la separazione tra Nord e Sud euro rischia di diventare inevitabile.
Ci sono tre errori che vanno rimediati se vogliamo una vera via d’uscita. Politica monetaria veramente espansiva con manovre di mercato aperto che mettano direttamente i soldi nelle tasche dei cittadini. Politica fiscale europea espansiva alimentata dal surplus tedesco e riforma della finanza che ripari l’acquedotto nel quale viene pompata la moneta separando banca commerciale e banca d’affari ed evitando che lo sforzo monetario finisca prevalentemente nei canali della speculazione piuttosto che in quello dell’economia reale.
Noi italiani possiamo e dobbiamo continuare a fare tutto per rendere il sistema paese più efficiente e funzionante ma senza questi tre interventi dall’alto rischierà di non bastare.

Post originariamente apparso su La Felicità Sostenibile, Blog Autore Repubblica.it


Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.